Home / Territorio / Aree Protette / Zone Speciale di Conservazione

ZSC Arnago: I Prati Aridi

Dove l'azione dell'uomo conserva la biodiversità

Una tra le zone di maggior interesse naturalistico di tutta la valle si trova sopra l'abitato di Arnago, nel Comune di Malé, nei boschi e nelle praterie aride che salendo ci portano verso la cima Vese. È una zona staccata dalle acque del Noce ma che acquisisce il suo pregio naturalistico per la sua particolare posizione vicino all'ingresso della Val di Rabbi, ove il Rabbies si tuffa, con le sue acque tumultuose, nel Noce.

Questa zona appartiene alla rete Natura 2000 e i suoi pregi naturalistici ne hanno valsa la trasformazione da una semplice zona di interesse comunitario ad una Zona Speciale di Conservazione (ZSC).

Si tratta di habitat seminaturali perché la loro conservazione è strettamente legata al mantenimento delle tradizionali attività umane come lo sfalcio e il pascolo.L'apertura dovuta all'incrocio delle due valli ha dato vita ad una zona calda e assolata difficile da trovare in queste zone. Più in basso troviamo dei boschi di latifoglie ricchi di querce, castagni, faggi ed ontani, non così comuni in un clima continentale-alpino. Questo posto è scelto da numerosi uccelli come habitat e zona di riproduzione, tra i più belli e famosi possiamo trovare l'upupa (Upupa epos), il picchio rosso maggiore (Dendrocopos major) e il picchio verde (Picus viridis). Troviamo anche uccelli onnivori o predatori di dimensioni più ragguardevoli come l'astore (Accipiter gentilis), la poiana (Buteo buteo), l'aquila reale (Aquila chrysoetes) e il corvo imperiale (Corvus corax). Salendo in quota troviamo le vere e proprie praterie aride di Arnago, un ambiente che nasce dalla collaborazione tra l'uomo e la natura: senza lo sfalcio operato dall'uomo queste aree infatti sarebbero state rapidamente inghiottite dal bosco.Tra le specie vegetali di maggior interesse troviamo diversi tipi di orchidee (Dactylorhyza maculata, Dactylorhyza sambucina, Epipactis helleborine, Platanthera chlorantha) la cui raccolta è sempre proibita, e altre piante erbacee di alto valore floristico come Achillea tomentosa, Allium sphaerocephalon, Lychnis flos-jovis, Melampyrum arvense, Filago arvensis, Arabis nova, Myosotis stricta, Melica transsylvanica, Potentilla arenaria e Veronica verna. Anche nelle praterie in quota possiamo trovare una variegata fauna come averla piccola (Lanius collurio), coturnice (Alectoris graeca), succiacapre (Caprimulgus europeaus), francolino (Tetrastes bonasia), ungulati come cervi (Cervus elaphus) e caprioli (Capreolus capreolus) e invertebrati rari (Maculinea arion e Parnassius apollo).

Informazioni tecniche:

  • Denominazione: ZSC Arnago 
  • Codice: IT3120112
  • Area: 157.3 ettari
  • Comune amministrativo: Malé  

Per approfondire visita il sito della Provincia

Arnago
Arnago
(foto di Riccardo Meneghini)
Condividi su