Home / Territorio / Flora e Fauna / Fauna

Macroinvertebrati acquatici e qualità delle acque

Gli organismi invertebrati che possiamo trovare nei nostri fiumi vengono suddivisi per finalità pratiche in micro- e macroinvertebrati. I microinvertebrati raramente superano il millimetro di lunghezza e comprendono principalmente animali come: protozoi, rotiferi, nematodi, gastrotrichi, tardigradi, idracarini ed ostracodi. I macroinvertebrati sono organismi la cui taglia è raramente inferiore al millimetro e ad essi appartengono numerosi gruppi di animali tra cui: insetti, crostacei, molluschi, oligocheti, iridunei, platelminti e più raramente poriferi, celenterati e briozoi.

Possiamo anche suddividerli in base all'habitat in cui occupano: infatti se vivono sul substrato vengono detti bentonici (dal greco Bentos - Abisso), se invece fluttuano nell'acqua sono detti planctonici (dal greco Planktos - Vagabondo, Errante). Generalmente, nei fiumi troviamo principalmente invertebrati bentonici ma possiamo trovarne di planctonici in zone laterali al fiume con acqua ferma, laghi o bacini. È importante però dire che la ricchezza e la biodiversità di questi animali dipende moltissimo dalla struttura del fiume e dai numerosi microambienti che si possono formare (stagni, zone di allagamento temporaneo, sbarramenti, cascate). Ogni zona ha le sue comunità caratteristiche, che sommate vanno a comporre la biocenosi (componente viva, biotica, di un ecosistema) del fiume.
La prima garanzia per valutare se l'acqua di un fiume è di buona qualità è data proprio dalla fauna che vive al suo interno. Questi animali infatti, possono darci importanti informazioni anche se spesso esse non sono facili da interpretare. Campionando con un retino il fondale di un fiume possiamo trovare diverse specie animali che coesistono in un ambiente ad alta biodiversità, oppure, magari in seguito ad un inquinamento, rileveremo che le prime specie a scomparire sono le più sensibili e quelle più resistenti, vista l'assenza di competitori, prolifereranno in eccesso. Questa tecnica di rilevamento può darci importanti informazioni sullo stato del fiume e, al contrario di un'analisi chimica delle acque, tiene conto anche della presenza nel fiume di inquinanti anche solo occasionalmente, visto che questi animali vivono nel fiume "24 ore su 24"!

 
Condividi su